01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

TAURIANOVA

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 47,85 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 210 mt
  • Abitanti: 15.850
  • Densità: 331,24 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 21' 11,1''
  • Longitudine: 16° 0' 51,79''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89029
  • Codice ISTAT: 080093
  • Codice catasto: L063

STORIA

Divenne comune autonomo, con questo nome, nel 1928, a seguito della fusione delle località Iatrinoli, Radicena e Terranova Sappo Minulio. Quest’ultima riacquistò l’autonomia amministrativa nel 1946. Il toponimo riprende quello dell’antica Taureana, spopolatasi verso il secolo VIII, a causa della malaria e delle incursioni saracene. Compresa nel feudo terranovese, nel Medioevo fece parte dei possedimenti dei Lauria, degli Joinville, dei Sanseverino, dei Santangelo, dei Caracciolo di Gerace e dei Correale. Dall’inizio del Cinquecento appartenne ai Cordova, ai de Marinis e ai Grimaldi, principi geracesi. Gravi furono i danni causati dal terremoto della seconda metà del XVIII secolo. Tornata ai Borboni, al termine della parentesi napoleonica, fu annessa al Regno d’Italia, insieme al resto della regione. Tra i monumenti figurano: la chiesa madre, di stile pseudo-romanico; la chiesa della Madonna del Rosario, ricostruita dopo il terremoto del Settecento, con un bel portale barocco e sculture rinascimentali; la chiesa dell’Immacolata, in cui si può ammirare un pregevole gruppo marmoreo, rappresentante la Madonna del Soccorso, e i palazzi Zerbi e Romeo, della fine del XVIII secolo.

STEMMA

DESCRIZIONE

Cittadina di pianura, di antiche origini, con un’economia basata su attività agricole, industriali e terziarie. I taurianovesi, con un indice di vecchiaia inferiore alla media, risiedono soprattutto nel capoluogo comunale, in cui si registra la maggiore concentrazione demografica, e nelle località Amato e San Martino; il resto della popolazione si distribuisce tra numerose case sparse e in vari nuclei urbani minori. Il territorio ha un profilo geometrico irregolare, con accentuate differenze di altitudine. L’abitato, immerso in una suggestiva cornice paesaggistica, mostra segni di espansione edilizia; il suo andamento plano-altimetrico è pianeggiante. Lo stemma comunale, troncato, è stato concesso con Decreto del Presidente della Repubblica. Sullo sfondo dorato della parte superiore si rappresenta San Martino armato, a cavallo, nell’atto di porgere a un povero la metà del suo mantello, tagliato con la spada; in quella inferiore, partita in due sezioni a sfondo azzurro e argentato, sono raffigurati: un pino radicato su una verde terrazza attraversata da un fiume sinuoso, d’argento, e una fenice con lo sguardo rivolto a un sole raggiante. In punta è “fusato” d’argento e di rosso.

ECONOMIA

È sede, tra l’altro, di Pro Loco, del distretto scolastico n. 37, dell’ufficio imposte dirette, dei carabinieri, di un commissariato di polizia di stato e della guardia di finanza. Si producono cereali, foraggi, ortaggi, olive e frutta, soprattutto agrumi; si allevano bovini, suini, caprini, equini e avicoli. L’industria è costituita da aziende che operano nei comparti alimentare (tra cui il lattiero-caseario e quello della lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi), chimico, edile, dei materiali da costruzione, della gioielleria e oreficeria, della produzione e distribuzione di gas; a queste si affiancano fabbriche di mobili, oltre che di macchine per l’agricoltura e la silvicoltura. È presente il servizio bancario; una sufficiente rete distributiva, attività radiotelevisive e di consulenza informatica, assicurazioni e fondi pensione arricchiscono il panorama del terziario. Non si segnalano particolari strutture sociali. È possibile frequentare le scuole dell’obbligo, un istituto professionale agrario e un istituto tecnico commerciale e per geometri; per l’arricchimento culturale si può usufruire della biblioteca comunale e della raccolta privata di stampe e disegni calabresi “Zerbi”. Le strutture ricettive offrono possibilità sia di ristorazione che di soggiorno. A livello sanitario è assicurato il servizio ospedaliero.

PUNTI DI INTERESSE

Offre, a quanti vi si rechino, la possibilità di gustare i semplici ma genuini prodotti del luogo, tra cui il torrone e, in occasione della festa di San Giuseppe, le crespelle e le zeppole. Abbastanza frequentata per lavoro, intrattiene rapporti comunque non molto intensi con i comuni vicini, ai quali gli abitanti si rivolgono per i servizi non forniti sul posto. Tra le manifestazioni tradizionali vanno citate: la fiera del mercoledì e del giovedì precedenti il 25 aprile; il concerto di musica classica, a maggio; la festa di Sant’Antonio, a giugno; la rassegna “restate a Taurianova”, nei mesi di luglio, agosto e settembre; la cerimonia dell’invito “u mbitu” –in occasione della quale si accende un grande fuoco propiziatorio e purificatore con i lupinacci secchi– ad agosto; la fiera di settembre; infine, “Natale insieme” e il carnevale. Il mercato settimanale si svolge il giovedì. La Patrona, Madonna della Montagna, si festeggia l’8 settembre.

LOCALITA'

Amato, Pegara, San Martino.

LOCALIZZAZIONE

È situata nella parte settentrionale della provincia, sulle propaggini dell’Appennino calabro, ai margini della piana di Gioia Tauro, ai piedi della dorsale che congiunge il massiccio dell’Aspromonte all’altopiano delle Serre. Attraversata dalla strada statale n. 536 di Acquaro, può essere raggiunta anche con la statale n. 111 di Gioia Tauro e Locri e con l’omonima diramazione, che ne percorrono ugualmente il territorio. L’autostrada più vicina è la A3 Salerno-Reggio Calabria, cui si accede dal casello di Gioia Tauro, distante 11 km. La linea ferroviaria Cinquefrondi-Palmi ha uno scalo sul posto. L’aeroporto di riferimento si trova a 65 km; quello di Napoli/Capodichino è a 464 km. Il porto più vicino dista 14 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 63 e 51. Inserita in circuiti commerciali, è polo di gravitazione per i comuni vicini, facendo capo principalmente a Reggio di Calabria e a Palmi per il commercio, i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

  • tazione ferroviaria: a Taurianova
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a Taurianova
  • Ospedale: a Taurianova
  • Carabinieri: a Taurianova
  • Guardia di finanza: a Taurianova
  • Vigili del fuoco: a Polistena
  • Tribunale: a Palmi
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui


Torna ai contenuti | Torna al menu