01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

SINOPOLI

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 25,78 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 500 mt
  • Abitanti: 2.223
  • Densità: 86,23 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 15' 49,11''
  • Longitudine: 15° 52' 40,40''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89020
  • Codice ISTAT: 080089
  • Codice catasto: I753

STORIA

Citata già in un documento del secolo XI come Zenòpolin, deriva il toponimo da un omonimo cognome, riconducibile al greco “zenòpoulos”, che significa ‘figlio di straniero’. Sviluppatasi piuttosto velocemente, divenne capoluogo di un vasto feudo appartenente ai de Pavia. Nella seconda metà del Duecento, fu assegnata al nobile casato dei Ruffo di Scilla, che, insigniti del titolo di conti, ne conservarono il possesso fino al crollo del sistema feudale, sancito dalle leggi napoleoniche. Il terremoto della seconda metà del XVIII secolo vi causò molti danni. Comune del cantone di Seminara, ai tempi della Repubblica Partenopea, col nuovo ordinamento amministrativo disposto dai francesi, all’inizio dell’Ottocento, fu dapprima inclusa tra le università del cosiddetto governo di Sant’Eufemia di Sinopoli e poi messa a capo di un circondario. Annessa al Regno d’Italia, al termine del restaurato dominio borbonico, partecipò alle successive vicende nazionali e internazionali. Tra i monumenti figurano: la chiesa parrocchiale di Santa Maria delle Grazie, rifatta in stile pseudo-rinascimentale e contenente pregevoli opere d’arte, tra cui una Madonna delle Grazie, di epoca tardo-bizantina; quella di Sinopoli Inferiore, dedicata a San Giorgio martire, in cui si possono ammirare varie statue marmoree, del XVI-XVII secolo, e un capitello romano, posto a sostegno di un’acquasantiera.

STEMMA

DESCRIZIONE

Comune montano, di origini greche, la cui economia si basa prevalentemente sull’agricoltura. I sinopoliti, che presentano un indice di vecchiaia inferiore alla media, sono concentrati per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione è quasi tutto distribuito tra numerose case sparse e la località Sinopoli Inferiore. Il territorio, comprendente anche l’isola amministrativa Sinopoli Vecchio, ha un profilo geometrico irregolare, con differenze di altitudine molto accentuate: si raggiungono i 1.832 metri di quota. L’abitato, immerso in una suggestiva cornice paesaggistica, mostra segni di espansione edilizia; il suo andamento plano-altimetrico è leggermente vario.

ECONOMIA

Se si escludono la stazione dei carabinieri e gli uffici deputati al funzionamento dei normali servizi municipali e postali, non ve ne sono altri degni di nota. L’agricoltura, basata sulla produzione di cereali, frumento, foraggi, ortaggi, olive e agrumi, è integrata dall’allevamento di bovini, suini, ovini, caprini e avicoli. L’industria è costituita da piccole aziende che operano nei comparti alimentare (tra cui quello della lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi) ed edile; a queste si affianca una centrale elettrica. È presente il servizio bancario; una rete distributiva, di dimensioni non rilevanti ma sufficiente a soddisfare le esigenze primarie della comunità, completa il panorama del terziario. Non si registrano particolari strutture sociali. Nelle scuole locali si impartisce l’istruzione obbligatoria; manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Non vi sono strutture ricettive. A livello sanitario è assicurato il servizio farmaceutico.

PUNTI DI INTERESSE

Sebbene non figuri tra le mete turistiche più celebrate della zona, offre a quanti vi si rechino la possibilità di godere delle bellezze dell’ambiente naturale ed effettuare interessanti escursioni nei dintorni. Intrattiene rapporti non molto intensi con i comuni del circondario, ai quali la popolazione si rivolge per l’istruzione secondaria di secondo grado e i servizi non disponibili sul posto. Tra gli appuntamenti consueti meritano di essere citate: la fiera che si svolge cinque giorni prima della Pentecoste e quella della prima domenica di ottobre. Il mercato settimanale ha luogo il martedì. Il Patrono, San Giorgio, si festeggia il 23 aprile.

LOCALITA'

Sinopoli Centro, Sinopoli Inferiore, Sinopoli Vecchio.

LOCALIZZAZIONE

Attraversata dal torrente Duverso, si estende nella parte centrale della provincia, sul versante tirrenico, alle pendici dei piani del massiccio dell’Aspromonte, tra Roccaforte del Greco, Scilla, Sant’Eufemia d’Aspromonte, San Procopio, Oppido Mamertina, Cosoleto e l’isola amministrativa Roghudi, appartenente al comune omonimo. A 9 km dal casello di Bagnara Calabra, che immette sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, può essere raggiunta anche con la strada statale n. 112 d’Aspromonte, il cui tracciato ne percorre il territorio. La stazione ferroviaria di riferimento, lungo la linea Napoli-Reggio di Calabria, si trova a 17 km. Il collegamento con la rete del traffico aereo è assicurato dall’aeroporto più vicino, posto a 43 km; quello di Napoli/Capodichino è a 478 km. Il porto più vicino dista 28 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 41 e 29. Inserita in circuiti commerciali e nell’ambito territoriale della Comunità montana “Versante tirrenico meridionale”, ha nel capoluogo di provincia e in Palmi i principali poli di gravitazione per il commercio, i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

  • Stazione ferroviaria: a Bagnara Calabra
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a Sinòpoli
  • Ospedale: a Palmi
  • Carabinieri: a Sinòpoli
  • Guardia di finanza: a Palmi
  • Vigili del fuoco: a Palmi
  • Tribunale: a Palmi
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

 

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui

spot


Torna ai contenuti | Torna al menu