Crea sito

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

SANT'ELIA

Organizza il tuo Viaggio

INDIETRO

SANT'ELIA

STRAPIOMBO SUL MARE DELLA COSTA VIOLA

LAPIDE

Sul monte che sovrasta la cittadina di Palmi, un uomo dal volto nero, con un gran sacco sulle spalle, si presentò al Santo Elia, che se ne stava in solitaria meditazione.
L’uomo, che era il diavolo, aprì il sacco e mostrò al Santo una grande quantità di monete.

Raccontò che aveva trovato l’ingente fortuna in un casolare abbandonato e pensava di poterla dividere col Santo, il quale, invece, prese le monete e cominciò a lanciarle lungo la china: mentre rotolavano si tramutavano in pietre nere, di quelle che ancora oggi si possono reperire sul monte.

Collabora con Tuttoreggiocal:
vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui

Questa roccia simboleggia l’eterna lotta tra il bene e il male.
Da secoli una leggenda popolare narra che in questo luogo
Il Diavolo tentò invano di distogliere S. Elia ………….
(Enna 823 – Salonicco 903)
Dalla sua missione ……… di edificare su questo monte un monastero.
Secondo tale leggenda, le impronte del Diavolo lasciate sulla roccia e ancora visibili, testimoniano lo scontro qui avvenuto tra il Santo e il demone.
Al diavolo sconfitto non restò che, secondo i patti, rifugiarsi
nel Vulcano di Stromboli dove il Santo riuscì a lanciare il suo bastone.


Torna ai contenuti | Torna al menu