01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

SAN PROCOPIO

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 10,72 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 352 mt
  • Abitanti: 577
  • Densità: 53,82 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 16' 52,77''
  • Longitudine: 15° 53' 26,69''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89020
  • Codice ISTAT: 080076
  • Codice catasto: I132

STORIA

Citata in un documento della prima metà del XIV secolo, deriva il toponimo dal Santo Patrono. Casale di Sinopoli, ne condivise le sorti, restando assoggettata alla signoria dei Ruffo fino all’abolizione del feudalesimo, sancita dalle leggi napoleoniche. Ai tempi della Repubblica Partenopea, fu compresa nel cantone di Seminara, insieme a tutto il circondario. Con le riforme amministrative attuate dai francesi, all’inizio dell’Ottocento, venne dapprima inclusa tra le università del cosiddetto governo di Sant’Eufemia di Sinopoli e poi elevata a comune autonomo e inserita nel circondario sinopolita, allora istituito. Annessa al Regno d’Italia, al termine del restaurato dominio borbonico, partecipò alle successive vicende nazionali e internazionali. Distrutta quasi interamente dai terremoti della seconda metà del XVIII secolo, della fine del XIX e del principio del XX, fu ricostruita ogni volta nello stesso posto. Povera è la presenza di monumenti: non vi sono, infatti, edifici di grande pregio storico-architettonico, fatta eccezione per la chiesa del Rosario, in cui si può ammirare una statua marmorea della Madonna col Bambino, risalente al Cinquecento.

STEMMA

DESCRIZIONE

Comune collinare, di origini medievali, con un’economia di tipo essenzialmente agricolo. I samprocopiesi, che presentano un indice di vecchiaia nella media, sono quasi tutti concentrati nel capoluogo comunale; il resto della popolazione vive in case sparse. Il territorio ha un profilo geometrico irregolare, con accentuate differenze di altitudine: si raggiungono i 513 metri di quota. L’abitato, immerso in una suggestiva cornice paesaggistica, non mostra segni di espansione edilizia, conservando un aspetto rurale; situato su un crinale, ha un andamento plano-altimetrico vario. Lo stemma comunale, inquartato in croce di Sant’Andrea, è stato concesso con Decreto del Presidente della Repubblica. Il primo e il quarto riquadro sono a sfondo nero; nella seconda e terza sezione, d’argento, spicca una croce patente nera; il tutto è attraversato da una spada d’oro.

ECONOMIA

Non è sede di particolari strutture burocratiche, ospitando soltanto la stazione dei carabinieri e gli uffici deputati al funzionamento dei normali servizi municipali e postali. L’agricoltura si basa soprattutto sulla produzione di ortaggi, olive e agrumi; parte della popolazione si dedica anche alla zootecnia, prediligendo l’allevamento di ovini. L’industria è costituita da qualche piccola azienda che opera nei comparti edile, estrattivo e della fabbricazione di mobili. Il terziario non assume dimensioni rilevanti: non sono forniti servizi più qualificati, come quello bancario; la rete distributiva, di cui si compone, è sufficiente a soddisfare le esigenze primarie della comunità. Non si segnalano strutture sociali, sportive e per il tempo libero degne di nota. Nelle scuole locali si impartisce solo l’istruzione materna ed elementare; manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Non vi sono strutture ricettive. A livello sanitario è assicurato il servizio farmaceutico; per altre prestazioni occorre rivolgersi altrove.

PUNTI DI INTERESSE

ebbene non registri un significativo movimento di turisti, offre a quanti vi si rechino la possibilità di godere delle bellezze dell’ambiente naturale, raggiungere agevolmente la vicina costa tirrenica ed effettuare interessanti escursioni sui rilievi circostanti. È poco frequentata pure per lavoro, in quanto le sue attività produttive non consentono di assorbire neppure tutta la manodopera del posto; diffuso è il pendolarismo verso le aree più sviluppate. I rapporti con i comuni limitrofi non sono molto intensi; a essi gli abitanti si rivolgono per motivi di studio e per usufruire dei servizi non disponibili localmente. Tra le manifestazioni tradizionali, che animano il borgo, richiamando visitatori dai dintorni, meritano di essere citati: il concerto di musica classica, ad aprile; le feste della Madonna della Melia e della Madonna degli Afflitti, rispettivamente il 6 e il 20 settembre. Il Patrono, San Procopio, si festeggia l’8 luglio.

LOCALIZZAZIONE

Si estende nella parte centro-occidentale della provincia, sul versante tirrenico, fra le valli dei torrenti Sevina e Torbido, alle pendici del massiccio dell’Aspromonte, tra Sant’Eufemia d’Aspromonte, Melicuccà, Seminara, Oppido Mamertina, l’isola amministrativa Sinopoli Vecchio (appartenente a Sinopoli), Cosoleto e Sinopoli. A 12 km dal casello di Bagnara Calabra, che immette sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, può essere raggiunta anche percorrendo la strada statale n. 112 d’Aspromonte, il cui tracciato si snoda ad appena 2 km. La stazione ferroviaria di riferimento, lungo le linee Napoli-Reggio di Calabria e Cinquefrondi-Palmi, si trova a 18 km. L’aeroporto più vicino è a 45 km; quello di Napoli/Capodichino si trova a 480 km. Il porto più vicino dista 27 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni sono, rispettivamente, a 44 e a 32. Inserita in circuiti commerciali, ha nel capoluogo di provincia e in Palmi i principali poli di gravitazione per il lavoro, il commercio, i servizi e le esigenze di ordine burocratico-amministrativo che non possono essere soddisfatte sul posto.

SERVIZI

  • Stazione ferroviaria: a Palmi
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a San Procòpio
  • Ospedale: a Palmi
  • Carabinieri: a San Procòpio
  • Guardia di finanza: a Palmi
  • Vigili del fuoco: a Palmi
  • Tribunale: a Palmi
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui


Torna ai contenuti | Torna al menu