01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

RIACE

Organizza il tuo Viaggio

FOTO RIACE

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 16,05 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 300 mt
  • Abitanti: 1.842
  • Densità: 114,77 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 25' 4,86''
  • Longitudine: 16° 28' 55,6''
  • Prefisso telefonico: 0964
  • C.A.P.: 89040
  • Codice ISTAT: 080064
  • Codice catasto: H265

STORIA

Sede di una comunità basiliana, si sviluppò all’epoca delle invasioni saracene, quando vi si rifugiarono i profughi delle località costiere. Il toponimo, che in un documento della prima metà del XIV secolo compare nella forma Riachi, deriva dal greco “ruàkion”, ‘ruscello’. Casale della contea di Stilo, ne seguì le vicende. Nel periodo delle incursioni dei barbari si trasformò in un luogo fortificato, munendosi di torri e di una cinta muraria. Il terremoto della seconda metà del Settecento la distrusse quasi completamente. Compresa nel cantone di Satriano, ai tempi della Repubblica Partenopea, col nuovo ordinamento amministrativo disposto dai francesi, all’inizio del XIX secolo, fu inclusa dapprima tra le università del cosiddetto governo di Stilo e poi tra i comuni del circondario facente capo a questo centro. Annessa al Regno d’Italia, al termine del restaurato dominio borbonico, partecipò ai successivi avvenimenti nazionali e internazionali. Il suo nome è venuto alla ribalta negli anni Settanta, quando nel mare adiacente furono rinvenuti i famosi “bronzi di Riace”: le statue, custodite nel museo nazionale di Reggio di Calabria, raffigurano due guerrieri; fatte risalire da alcuni studiosi alla metà del V secolo a.C., rappresentano forse il più interessante esempio dell’arte bronzistica greca. Tra le testimonianze storico-architettoniche spiccano: alcuni tratti delle vecchie mura, con le porte dell’Acqua e di Santa Caterina; la chiesa di San Nicola di Bari, con resti del portale e del campanile originari; le chiese dello Spirito Santo, dell’Annunziata e dei Santi Cosma e Damiano, d’impianto medievale; i palazzi Pinnarò, Alvaro e Campoliti; i ruderi di alcune torri cinquecentesche, facenti parte del sistema difensivo costiero.

STEMMA

DESCRIZIONE

Comune rivierasco, ubicato in collina e di origini medievali, con un’economia di tipo prevalentemente agricolo. I riacesi, che presentano un indice di vecchiaia nella media, risiedono quasi tutti nel capoluogo comunale, in cui si registra la maggiore concentrazione demografica, e nella località Riace Marina; il resto della popolazione si distribuisce tra alcune case sparse e i nuclei Coltura, Guardia e San Cosimo. Il territorio ha un profilo geometrico irregolare, con accentuate differenze di altitudine: si raggiungono i 458 metri di quota. L’abitato, immerso in una suggestiva cornice paesaggistica, è interessato da una forte crescita edilizia; situato su un dosso, ha un andamento plano-altimetrico vario. Sullo sfondo azzurro dello stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, campeggia un’aquila d’argento, munita di una corona d’oro.

ECONOMIA

Se si escludono la stazione dei carabinieri e i consueti uffici municipali e postali, non ve ne sono altri degni di nota. L’agricoltura si basa sulla produzione di cereali, frumento, ortaggi, olive e frutta, in particolare uva e agrumi; è praticato anche l’allevamento di bovini, suini, ovini, caprini e avicoli. L’industria è limitata a qualche piccola impresa edile e metallurgica. Non sono forniti servizi più qualificati, come quello bancario; una sufficiente rete distributiva completa il panorama del terziario. Tra le strutture sociali si segnala una casa del pellegrino. Nelle scuole locali si impartisce l’istruzione obbligatoria; manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Le strutture ricettive offrono possibilità di ristorazione ma non di soggiorno. A livello sanitario è assicurato il servizio farmaceutico; per le altre prestazioni occorre rivolgersi altrove.

PUNTI DI INTERESSE

Sebbene non figuri tra le mete turistiche più celebrate della zona, offre a quanti vi si rechino la possibilità di gustare i semplici ma genuini piatti della sua cucina e godere delle bellezze dell’ambiente naturale. A Riace Marina è in sviluppo il turismo estivo. Intrattiene rapporti non molto intensi con i comuni vicini, ai quali la popolazione si rivolge per l’istruzione secondaria di secondo grado e i servizi non disponibili sul posto. Il mercato settimanale si svolge il mercoledì. La festa patronale, dedicata ai Santi Cosma e Damiano, viene celebrata il 26 settembre.

LOCALITA'

Guardia, Riace Marina.

LOCALIZZAZIONE

Si estende nella parte settentrionale della provincia, sulla costa ionica, sul versante di sud-est dell’altopiano delle Serre, tra Stignano e Camini. A 66 km dal casello di Rosarno, che immette sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, può essere raggiunta anche percorrendo le strade statali n. 106 Jonica e n. 110 di monte Cucco e monte Pecoraro, i cui tracciati si snodano rispettivamente a 7 e a 10 km dall’abitato. La linea ferroviaria Taranto-Reggio di Calabria ha uno scalo sul posto, situato a 7 km. L’aeroporto si trova a 125 km; quello di Napoli/Capodichino è a 477 km. Il porto di riferimento dista 75 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 124 e 112. Inserita in circuiti turistici e commerciali, ha nel capoluogo di provincia, Siderno e Locri i principali poli di gravitazione per il commercio, i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

  • Stazione ferroviaria: a Riace
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a Riace
  • Ospedale: a Siderno
  • Carabinieri: a Riace
  • Guardia di finanza: a Monasterace
  • Vigili del fuoco: a Siderno
  • Tribunale: a Locri
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui

NEWS

Strill.it
Lo Spot della regione Calabria, che utilizza i Bronzi di Riace come messaggio ai media per invogliarli a visitare la nostra Regione, ha indignato il giornalista Gian Antonio Stella, che si dimostra, come sempre, scatenato contro il Sud e contro la ...
Newz.it
Riace (Reggio Calabria). Di seguito una nota di Antonio Trifoli, consigliere comunale di minoranza a Riace. Ciò che sta avvenendo aRiace in questi giorni sarebbe degno di un film di Totò se non fosse per la tragicità delle conseguenze che il tutto sta ...
corriereweb.net
Ora invece tocca ai Bronzi di Riace, animati, che invitano gli italiani a scegliere il mare per “ab-bronzarsi”. La polemica non si placa. Sulla questione sono intervenuti tutti i partiti di opposizione, ma anche la Confindustria calabrese. ...
Strill.it
Lo spot dei Bronzi di Riace è volgare? Ma dai! Possibile che un giornalista del "calibro" di Gian Antonio Stella non abbia trovato questa volta di meglio di cui "sparlare", per giunta utilizzando le dichiarazioni (queste sì, a mio avviso, volgari! ...

Torna ai contenuti | Torna al menu