01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

POLISTENA

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO POLISTENA

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 11,70 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 254 mt
  • Abitanti: 11.495
  • Densità: 982,48 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 24' 20,30''
  • Longitudine: 16° 4' 34,89''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89024
  • Codice ISTAT: 080061
  • Codice catasto: G791

STORIA

Sorta probabilmente in età bizantina, ottenne vari benefici dall’imperatore Federico II. Il toponimo, che in un documento del XIII secolo compare nella forma Polìstina, all’inizio del Trecento è attestato come Polistiena; deriva dal greco “polùstenos”, ‘molto stretto’. Casale del feudo di San Giorgio Morgeto, appartenne ai Caracciolo di Gerace, ai quali, verso la metà del XV secolo, subentrarono i Correale. In seguito passò ai Milano e ai de Cardona. Nel Cinquecento, fu rivendicata dai Milano d’Aragona che, insigniti del titolo di marchesi, ne conservarono il possesso fino all’abolizione del feudalesimo. Teatro di una sanguinosa battaglia, in cui le truppe francesi, guidate dal generale d’Aubigny, inflissero una pesante sconfitta a quelle spagnole, comandate da Consalvo di Cordova, fu distrutta dal terremoto della seconda metà del XVIII secolo e riedificata nella parte più alta. Del pregevole patrimonio storico-architettonico fanno parte: il duomo, in cui si può ammirare una grande pala marmorea della Deposizione, databile al Cinquecento; la chiesa del Rosario (monumento nazionale), con una facciata baroccheggiante e, all’interno, stucchi di notevole valore artistico e a una collezione di “Misteri”, statue rappresentanti la passione di Cristo; la chiesa di Santa Maria Immacolata, contenente pregevoli statue, una delle quali attribuita a Pietro Bernini; quella della Trinità, situata in posizione panoramica, con una bella cupola di maiolica policroma; i palazzi dei duchi Sforza e dei marchesi Rodinò e Avati e altri palazzotti nobiliari, con bei portali in pietra e balconi in ferro battuto.

STEMMA

DESCRIZIONE

Cittadina montana, di origini medievali, la cui economia si basa prevalentemente sull’agricoltura e sul commercio. I polistenesi, che presentano un indice di vecchiaia inferiore alla media, sono quasi tutti concentrati nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce tra diverse case sparse e la località Primogenito. Il territorio ha un profilo geometrico ondulato, con differenze di altitudine non molto accentuate: si raggiungono i 305 metri di quota. L’abitato, con un ben conservato nucleo storico sei-settecentesco, è immerso in una suggestiva cornice paesaggistica; interessato da una forte crescita edilizia, ha un andamento plano-altimetrico leggermente vario.

ECONOMIA

È sede, tra l’altro, del distretto scolastico n. 35 e di Pro Loco. Si producono cereali, ortaggi, olive e frutta, soprattutto agrumi; si allevano bovini, suini e avicoli. L’industria è costituita da aziende che operano nei comparti alimentare, cartario, edile, metallurgico, della lavorazione del legno e della fabbricazione di mobili, oltre che di macchine per l’agricoltura e la silvicoltura. È presente il servizio bancario; una buona rete distributiva arricchisce il panorama del terziario. Tra le strutture sociali figurano una casa di riposo e una casa famiglia. È possibile frequentare le scuole dell’obbligo, gli istituti professionali commerciale e per odontotecnici, un istituto tecnico industriale, un istituto alberghiero e un istituto magistrale; per l’arricchimento culturale si può usufruire della biblioteca comunale, con l’annesso museo civico. Alla diffusione della cultura e dell’informazione provvede anche la locale emittente radiotelevisiva. Le strutture ricettive offrono possibilità sia di ristorazione che di soggiorno. A livello sanitario sono assicurate le prestazioni fornite dall’ospedale del posto.

PUNTI DI INTERESSE

Sebbene non figuri tra le mete turistiche più celebrate della zona, offre a quanti vi si rechino la possibilità di godere delle bellezze dell’ambiente naturale e gustare le specialità della sua cucina, tra cui il pesce stocco o stoccafisso (merluzzo ammollato). Abbastanza frequentata per lavoro, grazie alle attività produttive, che consentono di richiamare manodopera dai dintorni, intrattiene rapporti non molto intensi con i comuni vicini, ai quali, comunque, la popolazione si rivolge per usufruire dei servizi non forniti localmente. Tra le manifestazioni tradizionali meritano di essere citati: il mercatino dell’antiquariato, la prima domenica di ogni mese; la fiera della Candelora, dal 31 gennaio al 2 febbraio; il carnevale polistenese; la processione notturna dei “Misteri”, il venerdì Santo; l’”affruntata”; la fiera della prima domenica dopo Pasqua; quelle “Tirreno-Jonio” e di Santa Venere, rispettivamente a maggio e nella prima decade di luglio; la fiera della terza domenica di ottobre; la festa e la fiera di tutti i Santi, il primo novembre; la sagra delle zeppole, la settimana natalizia, la festa e la fiera dell’Immacolata, a dicembre. Il mercato settimanale si svolge il mercoledì e il sabato. La festa della Patrona, Santa Marina, si celebra il 17 luglio.

LOCALIZZAZIONE

Attraversata dalla fiumara Calderaro, si estende nella parte settentrionale della provincia, alle pendici sud-occidentali dell’altopiano delle Serre, nel bacino del fiume Mesima, tra Cittanova, San Giorgio Morgeto, Cinquefrondi, Anoia e Melicucco. Percorsa dalla strada statale n. 536 di Acquaro e a soli 2 km dalla statale n. 281 del passo di Limina, può essere raggiunta anche con l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, dall’uscita di Rosarno, distante 12 km. La linea ferroviaria Cinquefrondi-Palmi ha uno scalo sul posto. L’aeroporto di riferimento si trova a 72 km; quello di Napoli/Capodichino è a 457 km. Il porto più vicino dista 19 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 72 e 58. Inserita in circuiti commerciali, è polo di gravitazione per i comuni vicini, facendo capo soprattutto a Palmi e a Reggio di Calabria per i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

  • Stazione ferroviaria: a Polìstena
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a Polìstena
  • Ospedale: a Polìstena
  • Carabinieri: a Polìstena
  • Guardia di finanza: a Taurianova
  • Vigili del fuoco: a Polìstena
  • Tribunale: a Palmi
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui


Torna ai contenuti | Torna al menu