01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

OPPIDO MAMERTINA

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 58,55 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 321 mt
  • Abitanti: 5.478
  • Densità: 93,56 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 17' 26,41''
  • Longitudine: 15° 59' 4,52''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89014
  • Codice ISTAT: 080055
  • Codice catasto: G082

STORIA

Sorta in una zona abitata fin da epoca preistorica, come testimoniano la necropoli di Castellace e altri reperti archeologici rinvenuti nei suoi dintorni, pare che abbia tratto origine dall'antica Mamertum, fondata dai mamertini, nel III secolo a.C., e distrutta dai saraceni. Ricostruita da gruppi di profughi in una località più sicura, deriva la prima parte del toponimo dal latino OPPIDUM, ‘luogo fortificato'. La specificazione, aggiunta con un regio decreto del 1863, si rifà al vecchio insediamento. Conquistata da Ruggero il Normanno, verso la metà del secolo XI, fu in seguito assegnata a una nobile famiglia oppidese, che la tenne fino all'inizio del Quattrocento. Antica sede vescovile, ebbe molto a soffrire durante le lotte fra gli angioini e gli aragonesi. Passata ai Baldassino e ai Galeota, nel XVI secolo entrò nei possedimenti dei Caracciolo, dopo una lunga contesa con i de Ascaris. Nel Seicento, fu venduta agli Spinelli, duchi di Seminara, sotto la cui signoria rimase fino all'eversione della feudalità. Distrutta dal terremoto della seconda metà del XVIII secolo, venne riedificata nel sito attuale. Ai tempi della Repubblica Partenopea, fu compresa nel cantone seminarese. I francesi, a principio dell'Ottocento, la elevarono a capoluogo dapprima di un governo comprendente diverse università e poi di un circondario. Tornata ai Borboni, all'indomani del congresso di Vienna, partecipò alle successive vicende nazionali e internazionali. Sotto il profilo storico-architettonico interessanti sono: la grandiosa cattedrale, di forme pseudo-rinascimentali, contenente, tra l'altro, un fonte battesimale, del Cinquecento; le chiese di San Nicola e San Giuseppe; il seminario vescovile; alcuni palazzotti sette-ottocenteschi e i resti di Mamertum e dell'abitato medievale.

STEMMA

DESCRIZIONE

Centro montano, di origini antiche, con un'economia basata su attività agricole, industriali e terziarie. Gli oppidesi, che presentano un indice di vecchiaia nella media, sono quasi tutti distribuiti tra il capoluogo comunale, in cui si registra la maggiore concentrazione demografica, e le località Castellace, Messignadi e Piminoro. Il territorio ha un profilo geometrico irregolare, con differenze di altitudine molto accentuate; l'area Petrulli è in contestazione con Platì. L'abitato, immerso in una suggestiva cornice paesaggistica, mostra segni di espansione edilizia; il suo andamento plano-altimetrico è vario.

ECONOMIA

È sede di Pro Loco. L'agricoltura, basata sulla produzione di cereali, frumento, ortaggi, olive, uva, agrumi e altra frutta, è integrata dall'allevamento di bovini, suini, ovini e caprini. L'industria è costituita da piccole aziende che operano nei comparti alimentare, edile, metallurgico, della pelletteria, della fabbricazione di macchine per l'agricoltura e la silvicoltura, della gioielleria e oreficeria. Il terziario si compone di una sufficiente rete commerciale e dell'insieme dei servizi, che comprendono quello bancario. Tra le strutture sociali figurano una casa di riposo, una casa famiglia e una casa del fanciullo. È possibile frequentare le scuole dell'obbligo, un istituto tecnico industriale e un liceo scientifico; per l'arricchimento culturale si può usufruire della biblioteca vescovile. Le strutture ricettive offrono possibilità di ristorazione ma non di soggiorno. A livello sanitario è assicurato il servizio ospedaliero.

PUNTI DI INTERESSE

Sebbene non figuri tra le mete turistiche più celebrate della zona, offre a quanti vi si rechino la possibilità di gustare le specialità gastronomiche del luogo, visitare la sua zona archeologica e godere delle bellezze dell'ambiente naturale, arricchito dalla presenza di estesi boschi di abeti, castagni, faggi e pini. Abbastanza frequentata per lavoro, grazie alle attività produttive, che consentono un buon assorbimento di manodopera, intrattiene rapporti non molto intensi con i comuni vicini, ai quali la popolazione si rivolge per i servizi in genere. Tra le manifestazioni tradizionali vanno citate: la fiera di marzo; la festa di S. Rita, il 22 maggio; quella di Santa Maria delle Grazie, il 2 luglio; la festa della Madonna la Divina Pastora, con la gara fra le corporazioni dei “massari” e dei contadini, per portare la statua della Vergine, il 12 luglio, a Piminoro, e il presepe vivente, dal 25 dicembre al 6 gennaio. Il mercato settimanale si svolge il martedì. La Patrona, Santa Maria Annunciata, viene festeggiata la terza domenica di settembre.

LOCALITA'

Castellace, Messignadi, Petrulli, Piminoro.

LOCALIZZAZIONE

Attraversata dal torrente Calabro, si estende nella parte centrale della provincia, sul versante settentrionale del massiccio dell'Aspromonte, a sud dell'Appennino calabro, alle pendici del piano dello Zillastro, vicino al Parco Nazionale dell'Aspromonte. Percorsa dalla strada statale n. 111 diramazione di Gioia Tauro e Locri, può essere raggiunta anche con le statali n. 112 e n. 112 bis d'Aspromonte, che si snodano rispettivamente a 5 e a 2 km. L'autostrada più vicina è la A3 Salerno-Reggio Calabria, cui si accede dal casello di Gioia Tauro, distante 19 km. La stazione ferroviaria di riferimento, lungo la linea Cinquefrondi-Palmi, si trova a 15 km. L'aeroporto è a 64 km; quello di Napoli/Capodichino si trova 471 km. Il porto più vicino dista 23 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 64 e 51. Inserita in circuiti commerciali e nell'ambito territoriale della Comunità montana “Versante tirrenico meridionale”, gravita sul capoluogo provinciale, su Palmi e su Taurianova per il commercio e i servizi non presenti sul posto.

SERVIZI

  • Stazione ferroviaria: a Gioia Tauro
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: ad Oppido Mamertina
  • Ospedale: ad Oppido Mamertina
  • Carabinieri: ad Oppido Mamertina
  • Guardia di finanza: a Taurianova
  • Vigili del fuoco: a Palmi
  • Tribunale: a Palmi
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui


Torna ai contenuti | Torna al menu