01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

LAUREANA DI BORRELLO

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 35,42 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 270 mt
  • Abitanti: 5.429
  • Densità: 153,27 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 29' 26,42''
  • Longitudine: 16° 4' 57,23''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89023
  • Codice ISTAT: 080042
  • Codice catasto: E479

STORIA

Sorta nel Medioevo, fu il più importante villaggio del contado di Borrello. Già chiamata Laureana, assunse la denominazione Laureana di Borello con un regio decreto del 1863 e quella attuale nel 1930. La prima parte del toponimo, riportata da alcuni al cognome romano LAURIANUS, al femminile, viene da altri ricondotto al bizantino “laura”, ‘chiostro, monastero’; la seconda potrebbe derivare dal nome di un feudatario normanno, un tale “Borrel”, o dal personale latino LIBORIUS, col suffisso -ELLUS. Possedimento di Ugo di Brienne, nella seconda metà del XIII secolo, passò poi a Gualtiero Appard, a Tommaso de Argot, a Guglielmo di Sanfelice, a Ruggero di Lauria, ai de Sentillis, a Enrico Sanseverino, a Saladino Santangelo, a Carlo Ruffo e a Ugo d’Alagno. Sul finire del 1400, Ferdinando d’Aragona la concesse a Ludovico il Moro, insieme al principato di Rossano, come ricompensa per gli aiuti ricevuti durante la congiura dei baroni. Pervenuta in seguito agli Sforza e a Isabella d’Aragona, ebbe quali ultimi feudatari i Pignatelli di Monteleone. Dopo il terremoto della seconda metà del XVIII secolo, che distrusse Borrello, i superstiti si trasferirono a Laureana, divenuta ben presto il centro dominante del complesso feudale derivato dal vecchio capoluogo. Ai tempi della Repubblica Partenopea, fu un comune del cantone di Tropea. I francesi, all’inizio del 1800, la posero a capo dapprima di un governo comprendente diverse università e poi di un circondario. Danni vi fece il sisma del principio del XX secolo. Tra i monumenti figurano: la chiesa matrice, con impianto a croce greca; la chiesa di Sant’Antonio, contenente, tra l’altro, una pietra tombale gotica, della fine del 1300; le chiese del Carmine, di San Francesco di Paola e della Sanità; alcuni palazzetti, con bei balconi in ferro battuto, del XVII-XVIII secolo, e altri ottocenteschi e i resti della medievale Borrello.

STEMMA

DESCRIZIONE

Centro collinare, di origini medievali, che alle tradizionali attività agricole ha affiancato una modesta presenza dell’industria e del terziario. I laureanesi, con un indice di vecchiaia inferiore alla media, sono concentrati per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce tra numerosissime case sparse e la località Sant’Anna. Il territorio ha un profilo geometrico irregolare, con differenze di altitudine molto accentuate; l’area Ardegna è in contestazione con Candidoni. L’abitato, immerso in una suggestiva cornice paesaggistica, mostra segni di espansione edilizia; situato su un costone allungato, ha un andamento plano-altimetrico vario. Nello stemma comunale, concesso con Decreto del Presidente della Repubblica, si raffigura, su sfondo azzurro, un elefante d’oro fermo su una campagna “al naturale”.

ECONOMIA

È sede di Pro Loco nonché di carabinieri e corpo forestale. L’agricoltura, basata sulla produzione di cereali, frumento, foraggi, ortaggi, olive, uva, agrumi e altra frutta, è integrata dall’allevamento di bovini, suini, ovini, caprini, equini e avicoli. L’industria è costituita da piccole aziende che operano nei comparti alimentare, edile, metallurgico, del vetro, della gioielleria e oreficeria. Tra le lavorazioni artigiani spicca quella del ferro battuto. È presente il servizio bancario; una sufficiente rete distributiva completa il panorama del terziario. Tra le strutture sociali si segnala una casa di riposo. È possibile frequentare le scuole dell’obbligo e un istituto tecnico commerciale; non manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Le strutture ricettive offrono la sola possibilità di ristorazione. A livello sanitario sono assicurate le prestazioni fornite da un poliambulatorio.

PUNTI DI INTERESSE

Sebbene non figuri tra le mete turistiche più celebrate della zona, offre a quanti vi si rechino la possibilità di gustare i genuini prodotti locali e godere delle bellezze dell’ambiente naturale. Modestamente frequentata per lavoro, grazie alle sue attività produttive, che consentono un discreto assorbimento di manodopera, intrattiene rapporti non molto intensi con i comuni vicini, ai quali la popolazione si rivolge per i servizi in genere. Tra le manifestazioni tradizionali meritano di essere citati: i riti della settimana Santa, con l’”affruntata” (‘incontro’ tra Cristo risorto e la Madonna); la festa di San Pasquale, a marzo, e quella della Madonna del Carmine, a luglio. Il mercato settimanale si svolge il mercoledì. Il Patrono, San Gregorio Taumaturgo, viene festeggiato il 17 novembre, con una fiera di più giorni.

LOCALITA'

Ardegna, Bellantone, Sant'Anna.

LOCALIZZAZIONE

Si estende nella parte settentrionale della provincia, ai margini a nord della piana di Rosarno, sul versante tirrenico dell’altopiano delle Serre, a dominio della valle del fiume Mesima e della piana di Gioia Tauro, tra Rosarno, Feroleto della Chiesa, Galatro, San Pietro di Caridà, Serrata e Candidoni. Attraversata dalla strada statale n. 536 di Acquaro, può essere raggiunta anche con l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, dall’uscita di Rosarno, distante 14 km. La stazione ferroviaria di riferimento, lungo la linea Napoli-Reggio di Calabria, si trova a 11 km. L’aeroporto di riferimento è a 81 km; quello di Napoli/Capodichino è a 443 km. Il porto più vicino dista 24 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 77 e 65. Inserita in circuiti commerciali e nell’ambito territoriale della Comunità montana “Versante tirrenico settentrionale”, gravita soprattutto sul capoluogo provinciale, su Palmi e su Polistena per il commercio, i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

  • Stazione ferroviaria: a Rosarno
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a Laureana di Borrello
  • Ospedale: a Polistena
  • Carabinieri: a Laureana di Borrello
  • Guardia di finanza: a Taurianova
  • Vigili del fuoco: a Polistena
  • Tribunale: a Palmi
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui

MATIA BAZAR IN CONCERTO

Concerto

Domenica 17 Luglio 2011

Luogo: Laureana di Borrello (RC)

Matia Bazar in Concerto Laureana di Borrello (RC)

Per informazioni: www.matiabazar.com

Eventi a Reggio Calabria

Matia Bazar


Torna ai contenuti | Torna al menu