01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

COSOLETO

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 33,83 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 440 mt
  • Abitanti: 948
  • Densità: 28,02 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 16' 28,43''
  • Longitudine: 15° 55' 37,88''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89050
  • Codice ISTAT: 080030
  • Codice catasto: D089

STORIA

Le sue origini vanno probabilmente poste in relazione con l’esodo degli abitanti delle località costiere, che cercarono riparo sui rilievi interni, per sfuggire alle incursioni saracene. Il toponimo deriva dal latino CASULETUM (da CASULA), ‘gruppo di casette, casupole’. Baronia di Lamberto Malaino, nella seconda metà del XIII secolo, passò in seguito ai Malerbì di Gerace, che ne furono spossessati per aver partecipato alla rivolta dei baroni. Pervenuta ai Claver e da questi venduta ai Ruffo di Bagnara Calabra, nel corso del Cinquecento, appartenne successivamente ai Sersale di Sellia, ai Ruffo di Scilla, ai Francoperta e ai Tranfo di Tropea, sotto la cui signoria rimase dal principio del XVIII secolo fino all’abolizione del feudalesimo. Quasi interamente distrutta dal terremoto della seconda metà del Settecento, venne ricostruita più in alto, nel sito attuale. Ai tempi della Repubblica Partenopea, fu compresa nel cantone di Seminara. I francesi, all’inizio del XIX secolo, ne fecero dapprima un’università del cosiddetto governo di Sant’Eufemia di Sinopoli e poi un comune del circondario sinopolita, nella cui giurisdizione fu mantenuta anche dai Borboni. La storia post-unitaria si confonde con quella del resto della regione. Tra i monumenti spicca il santuario di San Rocco, meta di numerosi pellegrinaggi. Interessanti sono anche le rovine del vecchio abitato.

STEMMA

DESCRIZIONE

Comune montano, di origini medievali, con un’economia di tipo essenzialmente agricolo. I cosoletani, che presentano un indice di vecchiaia nella media, sono quasi tutti distribuiti tra il capoluogo comunale, in cui si registra la maggiore concentrazione demografica, e le località Acquaro e Sitizano. Il territorio ha un profilo geometrico irregolare, con differenze di altitudine molto accentuate: si raggiungono i 1.894 metri di quota. L’abitato, immerso in una suggestiva cornice paesaggistica, non mostra segni di espansione edilizia, conservando un aspetto rurale; situato su un ripiano terrazzato, ha un andamento plano-altimetrico leggermente vario.

ECONOMIA

Se si escludono la stazione dei carabinieri e i consueti uffici municipali e postali, non ve ne sono altri degni di nota. Si producono cereali, frumento, ortaggi, olive, uva, agrumi e castagne; parte della popolazione si dedica anche alla zootecnia, prediligendo l’allevamento di ovini e avicoli. Le attività industriali sono limitate a qualche piccola azienda alimentare ed edile. Non sono forniti servizi più qualificati, come quello bancario; una rete distributiva, di dimensioni modeste ma sufficiente a soddisfare le esigenze primarie della comunità, completa il panorama del terziario. Non si registrano particolari strutture sociali. Nelle scuole del posto si impartisce l’istruzione obbligatoria; manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Le strutture ricettive offrono possibilità di ristorazione ma non di soggiorno. A livello sanitario è assicurato il solo servizio farmaceutico.

PUNTI DI INTERESSE

Sebbene non figuri tra le mete turistiche più celebrate della zona, offre a quanti vi si rechino la possibilità di raggiungere agevolmente le vicine località che si affacciano sullo stretto di Messina e godere dell’aria salubre e delle bellezze dell’ambiente naturale. È poco frequentata pure per lavoro, in quanto le sue attività produttive non consentono di assorbire neppure tutta la manodopera del posto, costretta ogni giorno a raggiungere le aree più sviluppate. I rapporti con i comuni del circondario non sono molto intensi; a essi gli abitanti si rivolgono anche per l’istruzione secondaria di secondo grado e i servizi in genere. Tra le manifestazioni tradizionali, che richiamano visitatori dai dintorni, meritano di essere citate: la festa della Madonna del Carmine, a maggio, e quella di San Rocco, ad agosto. Il Patrono, San Sebastiano, si festeggia il 20 gennaio.

LOCALITA'

Acquaro, Sitizano.

LOCALIZZAZIONE

Si estende nella parte centro-occidentale della provincia, sulle propaggini settentrionali del massiccio dell’Aspromonte, nell’alta valle del torrente Duverso, al margine meridionale della piana di Gioia Tauro, tra Samo, San Luca, Delianuova, Scido, Santa Cristina d’Aspromonte, Oppido Mamertina, Sinopoli, l’isola amministrativa Sinopoli Vecchia appartenente a quest’ultimo, San Procopio e le isole amministrative Roghudi e Africo, appartenenti ai comuni omonimi. Attraversata dalle strade statali n. 112 e n. 112 bis d’Aspromonte e a 4 km dalla statale n. 183 Aspromonte-Jonio, può essere raggiunta anche con l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, dall’uscita di Bagnara Calabra, distante 18 km. La stazione ferroviaria di riferimento, lungo la linea Cinquefrondi-Palmi, si trova a 18 km. L’aeroporto più vicino è a 50 km; quello di Napoli/Capodichino si trova a 477 km. Il porto più vicino dista 23 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 49 e 37. Inserita in circuiti commerciali e nell’ambito territoriale della Comunità montana “Versante tirrenico meridionale”, gravita soprattutto sul capoluogo provinciale e su Palmi per il lavoro, il commercio, i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

  • Stazione ferroviaria: a Taurianova: loc. Amato
  • Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a Cosoleto
  • Ospedale: a Oppido Mamertina
  • Carabinieri: a Cosoleto
  • Guardia di finanza: a Palmi
  • Vigili del fuoco: a Palmi
  • Tribunale: a Palmi
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui


Torna ai contenuti | Torna al menu