01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

CINQUEFRONDI

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO CINQUEFRONDI

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 29,83 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 257 mt
  • Abitanti: 6.610
  • Densità: 221,59 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 25' 1,63''
  • Longitudine: 16° 5' 41,27''
  • Prefisso telefonico: 0966
  • C.A.P.: 89021
  • Codice ISTAT: 080027
  • Codice catasto: C710

STORIA

Antica colonia locrese, si sviluppò nel X secolo, quando gli abitanti di cinque villaggi (San Paolo, Sant’Elia, San Demetrio, San Lorenzo e San Nicola) si unirono, per difendersi dalle invasioni dei saraceni. Il toponimo, riportato da alcuni studiosi alle modalità della sua formazione, viene da altri fatto derivare dalla forma latina QUINQUEFRONS, ‘a cinque foglie’. Munita di un castello, in epoca normanna, fu pertinenza della contea di Arena. Verso la metà del Trecento, fu assegnata ai Caracciolo di Gerace, che ne furono spogliati, per essersi ribellati ad Alfonso d’Aragona. Baronia dei Correale di Sorrento, nel XVI secolo fu da questi venduta ai Giffone, sotto la cui signoria rimase fino all’inizio del Settecento. Ultimi feudatari furono i Pescara Diano, duchi di Bovalino. Devastata dal terremoto della seconda metà del XVIII secolo, oppose un’eroica resistenza alle truppe napoleoniche guidate dal generale Cavaignac. Compresa nel cantone di Seminara, ai tempi della Repubblica Partenopea, con le riforme amministrative attuate dai francesi, a principio dell’Ottocento, fu inclusa dapprima tra le università del cosiddetto governo di Polistena e poi tra i comuni del circondario di Galatro, nella cui giurisdizione fu mantenuta anche dai Borboni. Fu teatro di un’aspra rivolta borbonica nei giorni del plebiscito per l’adesione al Regno d’Italia, partecipò quindi alle successive vicende nazionali e internazionali. Tra le testimonianze storico-architettoniche spiccano: la chiesa madre, costruita imitando stili medievali molto vari; la chiesa di San Michele, rifatta dopo il sisma del Settecento, con la facciata affiancata da due piccoli campanili; quella del Carmine, contenente interessanti opere d’arte, tra cui un crocifisso ligneo, del XVIII secolo, e i resti di una torre medievale e di altre antiche fortificazioni, nei pressi dell’abitato.

STEMMA

DESCRIZIONE

Centro montano, di origini antiche, la cui economia si basa su attività agricole, industriali e terziarie. I cinquefrondesi, che presentano un indice di vecchiaia inferiore alla media, sono concentrati per la maggior parte nel capoluogo comunale; il resto della popolazione si distribuisce tra numerosissime case sparse e il nucleo urbano Petricciana. Il territorio ha un profilo geometrico irregolare, con differenze di altitudine molto accentuate: si raggiungono i 1.042 metri di quota. L’abitato, circondato da boschi, non mostra segni di espansione edilizia; situato in un’amena pianura, ha un andamento plano-altimetrico leggermente vario. Nello stemma comunale si rappresenta una torre merlata sormontata da cinque foglie verdi, in evidente assonanza con il toponimo.

ECONOMIA

È sede, tra l’altro, della Comunità montana e della stazione dei carabinieri. L’agricoltura, basata sulla produzione di cereali, frumento, ortaggi, olive, uva e agrumi, è integrata dall’allevamento di bovini, suini, ovini, caprini e avicoli. L’industria è costituita da aziende che operano nei comparti alimentare, edile, metallurgico, della tipografia, del vetro e della lavorazione del legno; a queste si affiancano fabbriche della gomma, oltre che di mobili e laterizi. Artigiani locali si dedicano alla tradizionale concia delle pelli. È presente il servizio bancario; una rete distributiva, di dimensioni non rilevanti ma sufficiente a soddisfare le esigenze primarie della comunità, completa il panorama del terziario. Non si registrano particolari strutture sociali, sportive e per il tempo libero. Nelle scuole del posto si impartisce l’istruzione obbligatoria; per l’arricchimento culturale si può usufruire della biblioteca comunale. Le strutture ricettive offrono possibilità di ristorazione ma non di soggiorno. A livello sanitario sono assicurate le prestazioni fornite da una clinica privata.

PUNTI DI INTERESSE

La tranquillità del luogo e la bellezza della natura la rendono una piacevole meta di passeggiate, offrendo a quanti vi si rechino la possibilità di gustare i genuini prodotti del luogo. Intrattiene rapporti non molto intensi con i comuni vicini, ai quali la popolazione si rivolge per l’istruzione secondaria di secondo grado e i servizi non forniti sul posto. Tra le manifestazioni meritano di essere citati: i riti della settimana Santa, con l’“affruntata”, e le fiere del mercoledì precedente la seconda domenica di maggio e della prima domenica di agosto. Il mercato settimanale si svolge il lunedì. Il Patrono, San Michele Arcangelo, si celebra il 29 settembre; i festeggiamenti hanno luogo la seconda domenica di maggio.

LOCALITA'

Cinque Frondi.

LOCALIZZAZIONE

Si estende nella parte settentrionale della provincia, sulle colline dell’Appennino calabro, ai margini della piana di Gioia Tauro, alla sinistra della fiumara Sciarapotamo, tra San Giorgio Morgeto, Mammola, Giffone, Anoia e Polistena. A 13 km dal casello di Rosarno, che immette sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, può essere raggiunta anche percorrendo le strade statali n. 281 del passo di Limina e n. 536 di Acquaro, i cui tracciati ne attraversano il territorio. La linea ferroviaria Cinquefrondi-Palmi ha uno scalo sul posto. L’aeroporto di riferimento si trova a 76 km; quello di Napoli/Capodichino è a 454 km. Il porto più vicino dista 26 km; quelli di Reggio di Calabria e di Villa San Giovanni 75 e 63. Inserita in circuiti commerciali e nell’ambito territoriale della Comunità montana “Versante Tirrenico Settentrionale”, ha nel capoluogo di provincia, in Palmi e in Polistena i principali poli di gravitazione per il commercio, i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

Stazione ferroviaria: a Cinquefrondi Porto: a Gioia Tauro, a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese Farmacia: a Cinquefrondi Ospedale: a Polistena Carabinieri: a Cinquefrondi Guardia di finanza: a Taurianova Vigili del fuoco: a Polistena Tribunale: a Palmi Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui


Torna ai contenuti | Torna al menu