01. 02. 03. 06. 07.
Crea sito
08. 11.

Tutto Reggio Calabria & provincia pedia

Cerca

Vai ai contenuti

BRUZZANO ZEFFIRIO

Organizza il tuo Viaggio

spot

FOTO BRUZZANO ZEFFIRIO

INDIETRO

SCHEDA

  • Superficie: 20,88 Kmq
  • Altezza s.l.m.: 82 mt
  • Abitanti: 1.240
  • Densità: 59,39 ab./Kmq
  • Latitudine: 38° 0' 44,60''
  • Longitudine: 16° 5' 1,91''
  • Prefisso telefonico: 0964
  • C.A.P.: 89030
  • Codice ISTAT: 080015
  • Codice catasto: B234

STORIA

Sorse per opera degli abitanti delle zone costiere, i quali, per porsi al riparo dalle continue incursioni saracene, si trasferirono all’interno, su una collina rocciosa, denominata Armenia. Citata come Bruzzanum, Brottiano e Bruciano in documenti medievali, deriva il toponimo dal personale latino BRUTTIUS, col suffisso aggettivale -ANUS. La specificazione “Zeffirio”, aggiunta con un regio decreto del 1863, si riferisce all’antico ZEPHYRIUM PROMONTORIUM, ora capo Bruzzano. Composta da più casali, a metà del XIII secolo era baronia degli Appard. In seguito registrò diversi passaggi di proprietà: possedimento di Giovanni de Braida e Manfredo Marchese di Busca, dal Trecento appartenne ai Ruffo di Catanzaro, ai Caracciolo, ai Centelles, ai Marullo di Condojanni, ai messinesi Daynotto, a Francesco Bravo, ai d’Aragona d’Ayerbe, agli Stayti e ai Carafa che, insigniti del titolo di duchi, la tennero fino all’eversione del feudalesimo. Gravi furono i danni causati dal terremoto della seconda metà del XVIII secolo. Già università, col decreto francese del 1811, istitutivo dei comuni, fu riconosciuta tra questi e assegnata al circondario di Staiti. Quasi del tutto distrutta dal sisma dell’inizio del Novecento, fu ricostruita a breve distanza dal precedente abitato. Tra le testimonianze storico-architettoniche spiccano: la settecentesca chiesa parrocchiale dell’Annunziata, contenente interessanti opere d’arte; le rovine di Bruzzano Vecchio, con i ruderi del castello medievale, divenuto sede del quartier generale dei saraceni, nel secolo XI, e alcuni resti di epoca greca.

STEMMA

DESCRIZIONE

Comune rivierasco, ubicato in collina e di origini medievali, con un’economia basata prevalentemente sull’agricoltura. I bruzzanesi, che presentano un indice di vecchiaia superiore alla media, sono distribuiti tra il capoluogo comunale, in cui si registra la maggiore concentrazione demografica, numerose case sparse e la località Motticella, oltre che nel nucleo urbano Marinella. Il territorio, in cui sgorga una sorgente di acqua solforosa, ha un profilo geometrico irregolare, con differenze di altitudine molto accentuate: si raggiungono i 571 metri di quota. L’abitato, a pianta regolare, è interessato da una forte crescita edilizia; situato su un ripiano, ha un andamento plano-altimetrico pianeggiante. Sullo sfondo azzurro dello stemma comunale, concesso con Decreto del Capo del Governo, si raffigura un sauro nell’atto di correre, sostenendo sul dorso una torre merlata.

ECONOMIA

È sede di Pro Loco e di stazione dei carabinieri. Si producono cereali, frumento, ortaggi, olive, uva, agrumi e altra frutta; diffusa è la coltivazione del gelsomino. Si allevano bovini, suini, ovini, caprini, equini e avicoli. L’industria è costituita da piccole aziende che operano nei comparti alimentare (tra cui quello della lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi) ed edile. Non sono forniti servizi più qualificati, come quello bancario; una rete distributiva, di dimensioni non rilevanti ma sufficiente a soddisfare le esigenze primarie della comunità, completa il panorama del terziario. Non si registrano strutture sociali, sportive e per il tempo libero degne di nota. Nelle scuole del posto si impartisce l’istruzione obbligatoria; manca una biblioteca per l’arricchimento culturale. Alla diffusione della cultura e dell’informazione provvede anche la locale emittente radiotelevisiva. Le strutture ricettive offrono possibilità di ristorazione ma non di soggiorno. A livello sanitario è assicurato il servizio farmaceutico.

PUNTI DI INTERESSE

Meta non molto frequentata per turismo pur offrendo a quanti vi si rechino la possibilità di gustare i semplici ma genuini prodotti del luogo e godere delle bellezze dell’ambiente naturale, in particolare della stupenda costa ionica, lo è poco anche per lavoro, infatti le sue attività produttive non consentono di assorbire neppure tutta la manodopera interna. Tra le manifestazioni tradizionali, che animano la comunità richiamando visitatori dai dintorni, meritano di essere citati: il concerto di musica classica, a marzo; la fiera del 24 marzo, e la sagra della capra e “cannarozzeglia”, ad agosto. Il mercato settimanale si tiene il giovedì. La Patrona, Madonna della Catena, viene festeggiata la prima domenica di settembre. Il venerdì e il sabato precedenti si svolge una fiera. Il giorno di astensione dal lavoro è il venerdì precedente.

LOCALITA'

Cumbito, Motticella.

LOCALIZZAZIONE

Attraversata dalla fiumara Torno, si estende nella parte meridionale della provincia, sulla parte di litorale ionico definita “riviera dei Gelsomini” (Locride), tra Brancaleone, Staiti, l’isola amministrativa Africo (appartenente all’omonimo comune), Sant’Agata del Bianco e Ferruzzano. A 65 km dal casello di Reggio Arangea, posto sul raccordo di Reggio di Calabria, che immette sull’A3 Salerno-Reggio Calabria, può essere raggiunta anche percorrendo la strada statale n. 106 Jonica, il cui tracciato si snoda a 6 km. La stazione ferroviaria di riferimento, lungo la linea Taranto-Reggio di Calabria, si trova ugualmente a 6 km. L’aeroporto è posto a 65 km; quello di Napoli/Capodichino a 523. Il porto di riferimento dista 68 km; quello di Villa San Giovanni 81. Inserita nell’ambito territoriale della Comunità montana “Aspromonte Orientale”, gravita soprattutto sul capoluogo provinciale, Melito di Porto Salvo e su Locri per il commercio, i servizi e le strutture burocratico-amministrative non presenti sul posto.

SERVIZI

  • tazione ferroviaria: a Brancaleone
  • Porto: a Reggio di Calabria e a Villa San Giovanni
  • Aeroporto: a Reggio di Calabria/Ravagnese
  • Farmacia: a Bruzzano Zeffìrio
  • Ospedale: a Melito di Porto Salvo
  • Carabinieri: a Bruzzano Zeffìrio
  • Guardia di finanza: a Brancaleone
  • Vigili del fuoco: a Melito di Porto Salvo
  • Tribunale: a Locri
  • Corte d'Appello: a Reggio di Calabria

COLLABORA CON TUTTOREGGIOCAL

vuoi arricchire il contenuto, aggiungere informazioni, segnalere un evento per questo comune? vai qui


Torna ai contenuti | Torna al menu